Come funzionano gli Shorts di Youtube

I video, come sapevamo da tempo, sono diventati il contenuto più rilevante per il mondo del digital. Youtube lo dice da tempo e ci siamo dovuto adeguare per tirare l’acqua al nostro mulino. Il vecchio caro blog funziona sempre, ma se vuoi spingere maggiormente devi armarti di pazienza reinventarti. Una novità che gira ormai da un pò arriva proprio da Youtube, vediamo come funzionano gli shorts di Youtube

Siamo partiti dalle Stories di Instagram, poi i Reels, poi siamo passati a TikTok ed ora si aggiunge alla sfida anche Youtube con i suoi mini video. La battaglia tra social esiste da anni e in un modo o nell’altro cercano di accaparrarsi più utenti, diciamo pure, “scopiazzandosi” a vicenda.

 

Come funzionano gli Shorts di Youtube

Gli shorts sono dei mini video, come quelli di TikTok, che durano dai 15 ai 60 secondi e sono utilizzati tantissimo dagli utenti di Youtube. Sono utili perchè   possono aiutarti a migliorare la visibilità del tuo canale. La funzione è simile a quella dei video di TikTok, ma Youtube è sempre un pò più cattivello rispetto agli altri social e infatti è un pò più difficile ottenere visibilità.

La prima domanda da rivolgere a te stesso è:” Gli shorts sono un vantaggio per il mio canale e per la mia community?”

Devi analizzare la tua tipologia di video e capire se puoi dare un vantaggio alle persone con video di 15 secondi e se effettivamente le persone che ti seguono possono apprezzare video cosi brevi.

Il parere dei tuoi followers conta!

Devi pensare agli shorts come ad un altro progetto che si muove in relazione al tuo canale, ma con un altro obiettivo.

Come funzionano gli shorts di Youtube

 

Gli shorts sono un mondo parallelo rispetto ai soliti video di Youtube, perchè cambiano totalmente la tua comunicazione e ti proiettano verso un’altra tipologia di utenti.

Quali sono le differenze tra gli shorts e i video classici?

Innanzitutto la durata. Uno shorts dura pochissimo dai 15 ai 60 secondi, una grande differenza rispetto a chi crea contenuti lunghi.

Quando un canale crea uno shorts, Youtube non invia la notifica classica agli iscritti al canale.

Puoi caricare gli shorts su Youtube e scegliere se renderli visibili nella schermata del tuo canale, altrimenti verrebbero visualizzati solo nella scheda video.

 

Quali sono i parametri che ti permettono di diventare virale con gli shorts?

Watch Time cioè per quanto tempo viene visualizzato il video, tra l’altro è un parametro che Youtube prende in considerazione anche per i video normali.

– Seguire le tendenze, utilizzare canzoni virali

– La tua “Impronta“.Devi essere riconoscibile, scegli una palette, font e tutto il kit necessario.

-Infondi sicurezza, se ad esempio crei video informativi devi essere professionale e bravo nel dare tutte le informazioni in massimo 60 secondi.

 

6 consigli su come migliorare la visibilità dei tuoi shorts:

 

1.Scegli un tema in linea con il tuo canale

Il discorso è molto simile a quello che abbiamo affrontato con gli altri social, devi sempre accontentare un determinato pubblico e ritagliarti un piccolo spazio che ti faccia spiccare sugli altri. Scegli sempre una tipologia di video, i colori e anche la tipologia di angolazione in modo tale che le persone possano riconoscerti all’istante.

2.Rispondi a domande semplici dei tuoi utenti(punto più importante)

Spesso le persone si annoiano a guardare video lunghi, ci viene in aiuto la possibilità creare i capitoli nella descrizione del video. Proprio per questo motivo, gli shorts ci aiutano a rispondere alle domande più frequenti della nostra audiance. Utilizza gli shorts per rispondere alle domande semplici, alle domande a cui riusciresti a dare una risponda in 60 secondi.

Le persone cercano sempre soluzioni ai loro problemi, fai mente locale alle domande che ricevi con più frequenza, utilizza tutti quei tool che possono aiutarti nella ricerca delle domande più comuni su Google.

3.Crea contenuti interessanti

Crea video che possano catturare immediatamente l’attenzione delle persone, parla di contenuti di tendenza,devi intrattenere e aiutare.

4. Musica

Utilizza la musica, non creare shorts senza musica. E’ un errore che ho commesso anche io quando inizialmente creavo degli shorts, ma la musica ti aiuta tanto con le visualizzazioni.

5.Testo

Inserisci il testo negli shorts, perchè ti aiuta con l’intrattenimento

6.Prima la soluzione

Per attirare maggiormente le persone come abbiamo detto devi attirare l’attenzione e quindi appena parte il video devi dare la soluzione al problema e poi parlarne.

 

 

Lo sapevi che puoi guadagnare con gli shorts di Youtube? Clicca qui

 

 

Youtube è sempre in movimento e l’algoritmo cambia spesso, dobbiamo adeguarci a nuove tendenze e capire quali sono quelle adatte al nostro tema.

 

Utilizzi gli shorts?

Quali tipologie di temi tratti?

(Visited 46 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *